Le ville monumentali

Tu sei qui

Le ville di Lucca, costruite dal XV al XIX secolo nelle campagne e colline lucchesi come residenze estive delle classi più agiate, rappresentano un patrimonio di notevole bellezza.

La maggior parte di queste appartiene ancora a privati che le hanno tramandate di generazione in generazione alla loro famiglia. Con i loro ampi giardini, portici, saloni affrescati e parchi con vasche e laghetti, queste vere e proprie “opere d’arte” offrono un’atmosfera intima e meditativa .

Scarica la cartina con gli itinerari

Villa Bernardini
Descrizione:

Nel 1615 Bernardino Bernardini, iluminato pensatore e illustre esponente della vita politica lucchese, Ambasciatore della Repubblica presso diversi principi e presso la Santa Sede,  fece costruire la villa di Vicopelago, un'accogliente residenza per la famiglia e per gli ospiti, il luogo del

Villa Grabau
Descrizione:

In un inedito estimo del catasto cinquecentesco è raffigurato per la prima volta “il palazzo”, al centro una vastissima chiusa acquistata anni prima da Girolamo e Alessandro Diodati.

Villa Mansi
Descrizione:

I Benedetti furono i primi proprietari della villa, nel ‘500 poi i Cenami  nel ‘600 e infine i Mansi, almeno uno dei rami della ricca e potente famiglia di mercanti lucchesi.

Villa Oliva
Descrizione:

Alessandro Buonvisi, nel suo testamento del 1539 lasciò erede di tutti i suoi beni il figlio Lodovico, salvo la villa di San Pancrazio, che riservò alla moglie.  Ma la villa risale forse al secolo precedente ed è attribuibile, forse, alla mano fortunata di Matteo Civitali, spirito rinascimen

Villa Reale
Descrizione:

Un muro di cinta lungo quasi quanto le mura della città di Lucca, 19 ettari di parco disposti su un dislivello pronunciato e diversi edifici compongono la passeggiata architettonica del parco della villa Reale.

Pagine