Teatro del Giglio protagonista del nuovo poster di Lucca Comics&Games

Tu sei qui

Il Concerto di Capodanno 2019 ha inaugurato l’anno delle celebrazioni per i 200 anni del Teatro del Giglio di Lucca, e nell'anno del suo 200esimo anniversario, è proprio il Teatro del Giglio il monumento scelto come scena del poster dell'edizione 2019 di Lucca Comics and Games.

Dopo la Torre Guinigi, l'Anfiteatro, le Mura e molti altri edifici monumentali, è lo storico teatro cittadino ad essere scena di un bacio che passerà alla storia tra una affascinante fanciulla che potrebbe essere un'eroina pucciniana e un'androide in cerca di umanità.
Un bacio "impossibile", nel teatro che da sempre ospita gli abbracci di Lucca Comics & Games, per la manifestazione dove tutto lo diventa. Un bacio tra umano e androide, che dà vita a quell'affinità elettiva tra creatore mortale e creatura immortale, tra autore e opera, nel pieno rispetto del senso di gratitudine che unisce artista e fan; una vera "revolution" (come quella del tema del 2014), un gesto che scavalca ogni muro o pregiudizio, degno di essere messo su un palco: quello, storico e prestigiosissimo, del Teatro del Giglio di Lucca.

 

Teatro del Giglio nel poster di Lucca Comics and Games 2019

 

Nato nel 1675 come teatro pubblico, il Giglio deve il suo attuale nome a Maria Luisa di Borbone-Parma, sovrana della città di Lucca, che nel 1819, con decreto del 22 settembre, scelse di dare al teatro il nome di Giglio, richiamando così il fiore che adorna lo stemma gentilizio borbonico.
La prima rappresentazione al Teatro Pubblico risale al 14 gennaio 1675, con la messa in scena dell’opera Annibale in Capua di Berengani e Ziani; Lucca fu quindi anche tra le prime città italiane ad allestire le nuove opere di stampo impresariale, dopo i primi successi veneziani e romani.
I momenti di attività dei teatri cittadini si estendevano lungo tutto l’anno. Nelle stagioni di Carnevale e autunno il protagonista principale fu il melodramma, le cui rappresentazioni richiamarono a Lucca grandi interpreti.

 

Rondine - teatro del gilgio di lucca

Con il governo napoleonico dei primi anni dell’Ottocento oltre alle consuete rappresentazioni operistiche e di prosa, vi si tenevano feste, veglie, balli ed eventi di rilevanza politica come ad esempio la prima proclamazione ufficiale della Repubblica francese, nel 1799.
La duchessa Maria Luisa e il figlio Ludovico furono grandi sostenitori dell’attività del Teatro del Giglio. Nel 1819, con decreto del 22 settembre, scelse di dare al teatro il nome di “Giglio”, richiamando così il fiore che adorna lo stemma gentilizio borbonico. A Lucca, come nel resto d’Italia, il teatro fu uno dei principali centri della vita culturale cittadina. Nel 1831 il cantante Gilbert Louis Duprez impersonò Guglielmo Tell nella versione italiana dell'opera di Gioachino Rossini che, per risolvere un passaggio vocale nella parte finale della grande aria di Arnoldo, escogitò l’utilizzo del cosiddetto «do di petto». Per tutto l’Ottocento, dunque, il principale teatro lucchese ebbe modo di ospitare le migliori compagnie italiane e i nomi più celebri del tempo, all’interno di allestimenti che per numero e qualità in certi casi potevano competere con quelli del resto d’Italia ed Europa.

 

teatro del Giglio

 

L'autrice del poster è Barbara Baldi, Gran Guinigi come Miglior Disegnatrice 2018, cui srà dedicata una mostra personale nelle sale monumentali di Palazzo Ducale

Nel campo visivo entrano e sono protagonisti gli spettatori, il nostro "gold", non semplice sfondo, bensì valore aggiunto a ogni edizione "made in Lucca". Nella platea, straordinariamente raffigurata nel poster 2019 si celano inconsapevolmente quattro ambasciatori di Lucca Comics & Games che presto potranno diventare i protagonisti di una storia illustrata da Barbara Baldi, scritta da Eleonora Caruso e dallo sceneggiatore Giorgio Giusfredi. Da sempre i fan sono il cuore del festival. Quattro volti si trasformeranno nei nuovi eroi di una grande avventura inedita presentata nel corso della prossima edizione della manifestazione. Saranno loro a rappresentare le centinaia di migliaia di fan che da sempre combattono il nulla fuori dalle mura di Lucca, perché la storia continua.

Cosa ci fa "essere umani" è l'interrogativo di questa edizione del festival festival crossmediale più importante d'Europa. Tra virtuale e reale, tra androidi e carneossa.

 

Blade runner - lacrime nella pioggia

 

Il festival dal 30 ottobre al 3 novembre, metterà a confronto l'uomo e la macchina, il virtuale e il reale, in una fusione raccontata in mille e una storia, attraverso mille e più linguaggi. Il concetto di umanità sarà messo al centro del festival perché in un mondo in cui l'uomo è sempre più dipendente dalle macchine e dalla comunicazione digitale, subendone gli effetti, diventa fondamentale rimettere in primo piano la dimensione sociale e rituale che hanno reso la manifestazione il community event più significativo d'Europa. A partire dai miti del Golem e di Pinocchio alle eroine ribelli di WestWorld, passando per Metropolis, Blade Runner e Ghost in The Shell, l'androide che si interroga sulla propria coscienza e sui propri ricordi è lo specchio del nostro bisogno di libertà, di empatia e di uguaglianza, e ci ripropone l'eterna domanda su cosa significhi davvero "essere umani".

Becoming Human sarà il claim di Lucca Comics & Games 2019. Con il suo inconfondibile "stile" (celebrato nel tema del 2013), Lucca Comics & Games porterà avanti uno storytelling del fantastico che proprio grazie ai mezzi digitali sta vivendo, a 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, un nuovo Rinascimento. Dalla prospettiva di un evento non digitale ma fatto di persone, celebrativo dei nuovi media e delle innovazioni tecnologiche, a Lucca si andrà per assistere a un concerto, a una conferenza, a una proiezione, a una partita di e-sports, per continuare a tessere quelle storie che ci rendono umani e protagonisti.

 

Lunedì, 13 Maggio 2019
Lucca Comics and games - poster 2019