Verso il Forum degli Itinerari culturali d'Europa

Tu sei qui

Dal 27 al 29 Settembre 2017 Lucca ospiterà il Forum annuale degli Itinerari culturali del Consiglio d’Europa, un Programma cui il nostro territorio, per storia e patrimonio, è collegato sotto diversi punti di vista.

 

Il Forum è il principale evento annuale del Programma Itinerari Culturali, avviato nel 1987 con la Dichiarazione di Santiago di Compostela ed ha come obiettivi la promozione della consapevolezza di un'identità culturale comune con valori condivisi che si concretizzano in itinerari che ripercorrono la geografia e la storia europea, le influenze e gli scambi che l'hanno attraversata; la promozione del dialogo interculturale e interreligioso attraverso la conoscenza e la comprensione della storia europea; la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale e naturale come fattore di miglioramento della qualità della vita e di sviluppo sociale, economico e culturale; l'incremento del turismo culturale come via di sviluppo sostenibile.

 

Lucca, cattedrale, particolare della statua di san Martino di Tours

Gli itinerari culturali rappresentano un viaggio nel tempo e nello spazio nella Storia d'Europa e una concreta affermazione dei valori fondamentali del Consiglio d’Europa: diritti dell’uomo, democrazia culturale, diversità e identità culturale europea, dialogo, scambio e arricchimento reciproco.
Il Cammino di Santiago è stato il primo percorso del Programma e punto di riferimento per gli altri itinerari riconosciuti dall’IEIC (Istituto Europeo Itinerari Culturali) l'agenzia tecnica, creata nel 1988 con sede in Lussemburgo, che valuta gli Itinerari, assiste i candidati, organizza eventi e attività formative e coordina un network di Università.

 

Via Francigena - segnaletica lungo il cammino per Lucca

Il Programma raccoglie oggi 31 Itinerari culturali di cui 23 attraversano l’Italia e 5, La Via Francigena, Iter Vitis, ATRIUM - architetture dei regimi totalitari, La Rotta dei Fenici, la strada europea delle Città termali storiche, sono coordinate dall'Italia.
Tre gli itinerari candidati di cui si parlerà durante il Forum: la via europea dell'Impressionismo (European Route of Impressionisms), la via dei Longobardi attraverso l'Europa (Longobard Ways Accross Europe), La via del cioccolato - Rete etico culturale dei siti di tradizione artigiana (The Chocolate Way - Cultural ethical network of artisan heritage sites)

 

Colline lucchesi - paesaggio della vite e dell'olivo

La storia e il patrimonio di Lucca la collegano, direttamente o indirettamente, a diversi Itinerari già riconosciuti: La Via Francigena, Il Cammino di Santiago, Il Cammino di San Martino di Tours, la via dell'Olivo, Transromanica - la via del romanico nel patrimonio europeo, la via delle città termali d'Europa, Reseau art nouveau - la rete dell'Art Nouveau, IterVitis (Le Vie del Vino); Destination Napoleon e il citato candidato Itinerario dei Longobardi.

 

Lucca, veduta aerea del centro storico

Lucca ospiterà per questo trentesimo Forum centinaia di partecipanti tra cui Ministri ed autorità, ricercatori, esperti, operatori del settore turistico-culturale, rappresentanti degli itinerari certificati e delegati degli Stati membri del Consiglio d’Europa, che si confronteranno su tematiche, sfide e prospettive future del Programma.
Un'occasione importante per Lucca e per il Programma stesso perché in un momento difficile in cui tanti settori sono attraversati da una crisi complessa che mette in discussione la costruzione europea, è ancora più importante mostrare come il patrimonio condiviso possa rappresentare un forte elemento aggregativo per riconoscersi dentro una matrice identitaria e culturale comune europea e possa divenire una risorsa preziosa per realizzare uno sviluppo sostenibile e un dialogo interculturale.

 

 

 

 

Il Consiglio d'Europa è stato istituito con il Trattato di Londra del 5 maggio 1949 e ha sede a Strasburgo. Ai primi 10 Stati fondatori, fra cui l'Italia, se ne sono aggiunti altri 37.Oggi, dei 47 Stati che lo compongono, 28 fanno parte dell'Unione Europea.
Il Consiglio d'Europa è' stata la prima organizzazione costituita in Europa dopo la II Guerra Mondiale e fin dalla nascita ha lavorato per assicurare il rispetto dei diritti dell’uomo e della democrazia parlamentare, la soluzione di problemi sociali e la valorizzazione dell’identità culturale europea ampliando la sua attività, dopo la caduta del Muro di Berlino, ai  paesi dell’Europa centrale e orientale.
La sua attività si svolge attraverso la preparazione e la stipulazione di accordi o convenzioni internazionali tra gli Stati membri e, spesso, anche fra Stati terzi.
Il Consiglio d'Europa è quindi un'istituzione precedente all'Unione Europea i cui primi trattati furono siglati a Roma nel 1957 e non va confuso con organi di quest'ultima come il Consiglio dell'Unione Europea e il Consiglio europeo.

Lunedì, 18 Settembre 2017